Legumi

Una porzione al giorno leva il colesterolo cattivo di torno. I lupini, in particolare, possono abbassare la glicemia. Secondo Galeno «i ceci provocano il coito»

Il 2016 è stato scelto dalla Fao (l’agenzia delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) come Anno Internazionale dei Legumi. Secondo la Fao i legumi possono contribuire in modo significativo ad affrontare la fame nel mondo.

Eccellenti. La biologa Patrizia Zuliani, specialista in scienza dell’Alimentazione dello Studio Abr, hadedicato ’analisi alla riscoperta dei legumi, prodotto «di eccellente valore nutrizionale», sostituti ideali di dotti proteici animali. Contengono, infatti, sostanze fondamentali per il nostro organismo come «l’amido, la tamina E e le vitamine del gruppo B. I legumi sono inoltre ricchi di minerali come potassio, fosforo, calcio e ferro. e proteine di cui sono ricchi i legumi apportano una discreta quantità di amminoacidi essenziali, soprattutto a lisina, che associati agli amminoacidi solforati, quali cisteina e metionina, presenti in buone dosi ei cereali, ma carenti nei legumi, determina un pool di amminoacidi degno di proteine complete paragonabili a quelle origine animale. Nel passato questo abbinamento veniva definito “la carne dei poveri”. Saggiamente».


Per leggere l'articolo completo scarica il pdf

I commenti sono chiusi