Estate senza problemi di salute? Non proprio!

Secondo uno studio pubblicato su “Nature Communications” con il bel clima si ha una maggiore attivazione del sistema immunitario di conseguenza risulta più difficile ammalarsi di raffreddore e di influenza.
Però è pur vero che il caldo estivo favorisce la proliferazione di moltissimi microrganismi (soprattutto dei batteri) i quali di certo non vanno in vacanza... anzi diventano iperattivi. Secondo i ricercatori dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici (WAIDID) le malattie più ricorrenti nel periodo estivo sono:

A) le infezioni cutanee (soprattutto l’impetigine);
B) le gastroenteriti virali e batteriche causa di diarree, vomiti e di crampi addominali;
C) i funghi soprattutto nei piedi e nelle mani. Spesso facilmente prevenibili usando asciugamani e teli da mare puliti e sempre personali e le ciabatte nelle docce e a bordo piscina.

Oltre a questi problemi di natura microbiologica non mancano i classici inconvenienti da colpi di sole, colpi di calore, da meduse e da punture d’insetti.


© Produzione riservata

prof. Luciano O. Atzori

I commenti sono chiusi