Ammesso l’uso di un additivo in associazione al Nitrato di potassio

AMMESSO L’USO DI UN ADDITIVO IN ASSOCIAZIONE AL NITRATO DI POTASSIO

di  Luciano O. Atzori

Spesso nei prodotti derivati dalle carni (salumi, insaccati, carne in scatola, ecc.) si usa l’additivo Nitrato di potassio (KNO3) indicato nelle etichette con la sigla E252. Questo conservante chimico, che si presenta sotto forma di polvere bianca, viene utilizzato per evitare scongiurare la presenza e l’eventuale proliferazione del batterio Clostridium botulinum (cagione del botulismo). Oltre a ciò conferisce alle carni un bel colore rosso e ne migliora il sapore.

Senza entrare nel merito dei potenziali effetti collaterali che possono insorgere dall’uso di questo additivo e dalle soluzioni che l’industria alimentare sta cercando di attuare cerchiamo di capire come mai è stato ammesso l’uso associato con un altro additivo.

Si è osservato che il Nitrato di K durante la conservazione tende all'agglomerazione ostacolandone l'uso nella trasformazione alimentare.

Quindi per migliorare la fluidità e perciò assicurare il giusto dosaggio di tale additivo risulta indispensabile un antiagglomerante. Gli antiagglomeranti attualmente autorizzati per l’E252 non sono molto efficienti oppure possono indurre alterazioni indesiderate del pH, ostacolando la trasformazione alimentare. Attraverso studi è stato dimostrato che il Biossido di silicio (E551) non solo risulta essere molto efficiente, ma non reagisce con gli alimenti e noń influisce sulla loro ulteriore trasformazione.

Per il Biossido di silicio il comitato scientifico dell'alimentazione umana ha stabilito una DGA (Dose Giornaliera Ammissibile) globale “non specificata” se utilizzati come antiagglomeranti. Ciò evidenzia che il l’E551, se è utilizzato ai livelli necessari per ottenere l'effetto tecnologico desiderato, non presenta rischi per la salute umana e l'esposizione aggiuntiva del consumatore al biossido di silicio, se utilizzato come antiagglomerante nel nitrato di potassio (E252), resterebbe limitata.

A seguito di tutto ciò l’UE, attraverso il Regolamento (UE) 2017/1271 (di seguito riportato integralmente), ha ammesso l’uso del Biossido di silicio nel Nitrato di potassio.

REGOLAMENTO (UE) 2017/1271

della Commissione del 14 luglio 2017

che modifica l'allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda l'uso del biossido di silicio (E551) nel nitrato di potassio (E252)

LA COMMISSIONE EUROPEA

visto il trattato sul funzionamento dell'Unione europea, visto il regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari (1), in particolare l'articolo 10, paragrafo 3, considerando quanto segue:

(1) L'allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 contiene un elenco dell'Unione degli additivi alimentari autorizzati negli additivi alimentari, negli enzimi alimentari, negli aromi alimentari e nei nutrienti e ne specifica le condizioni d'uso.

(2) L'elenco dell'Unione degli additivi alimentari può essere aggiornato in conformità alla procedura uniforme di cui all'articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 1331/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio su iniziativa della Commissione o a seguito di una domanda.

(3) In data 7 luglio 2016 è stata presentata, e resa accessibile agli Stati membri a norma dell'articolo 4 del regolamento (CE) n. 1331/2008, una domanda di autorizzazione all'uso del biossido di silicio (E551) come antiagglomerante aggiunto al nitrato di potassio (E252).

(4) Durante la conservazione, il nitrato di potassio (E252) mostra una forte tendenza all'agglomerazione che ne ostacola l'uso nella trasformazione alimentare. Per migliorare la fluidità e assicurare il corretto dosaggio di tale additivo pertanto necessario un antiagglomerante. Il richiedente ha dimostrato che gli antiagglomeranti autorizzati per il nitrato di potassio (E252) non sono efficienti o possono indurre alterazioni indesiderate del pH, ostacolando la trasformazione alimentare. Al contrario è stato dimostrato che il biossido di silicio (E551) è efficiente e non reagisce con gli alimenti né influisce sulla loro ulteriore trasformazione.

(5) Il comitato scientifico dell'alimentazione umana ha stabilito una DGA (dose giornaliera ammissibile) globale «non specificata» per il biossido di silicio (E551) e alcuni silicati (di sodio, di potassio, di calcio e di magnesio), se utilizzati come antiagglomeranti. Ciò significa che il biossido di silicio (E551), quando è utilizzato ai livelli necessari per ottenere l'effetto tecnologico desiderato, non presenta rischi per la salute. L'esposizione aggiuntiva del consumatore al biossido di silicio (E551), se utilizzato come antiagglomerante nel nitrato di potassio (E252), resterebbe limitata.

(6) A norma dell'articolo 3, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1331/2008, per aggiornare l'elenco dell'Unione degli additivi alimentari di cui all'allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 la Commissione è tenuta a chiedere il parere dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare («l'Autorità»), salvo nel caso in cui l'aggior­namento in questione non possa avere un effetto sulla salute umana.

(7) Poiché l'autorizzazione all'uso del biossido di silicio (E551) nel nitrato di potassio (E 252) costituisce un aggior­namento dell'elenco che non può avere un effetto sulla salute umana, non è necessario chiedere il parere dell'Au­torità.

(8) È pertanto opportuno autorizzare l'uso del biossido di silicio (E551) come antiagglomerante nel nitrato di potassio (E252).

(9) L'allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 dovrebbe pertanto essere modificato di conseguenza.

(10) Le misure di cui al presente regolamento sono conformi al parere del comitato permanente per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi,

HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO

Articolo 1

L'allegato III del regolamento (CE) n. 1333/2008 è modificato conformemente all'allegato del presente regolamento.

Articolo 2
Il presente regolamento entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Il presente regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri.

Fatto a Bruxelles, il 14 luglio 2017

Per la Commissione
Il presidente
Jean-Claude JUNCKER


© Produzione riservata

Dr. Luciano O. Atzori
Biologo - Esperto in Sicurezza degli Alimenti e in Tutela della Salute
Divulgatore Scientifico – Consulente agroalimentare

Co-founder dello Studio ABR  -  www.alimentiesicurezza.it

Seguici su Facebook e Twitter

I commenti sono chiusi

Shares