Allerte

NON SEMPRE TUTTO PUÒ ESSER DETTO  A VOLTE E’ MEGLIO LA SOLA CURIOSITÀ!

A tal proposito, si specifica che legare il nome di un’Azienda a un prodotto “posto in allerta” non è sempre possibile per svariati motivi, uno fra tanti, quello di creare inutili allarmismi, su situazioni che nel momento in cui vengono divulgate sono già state “messe in sicurezza” con l’applicazione di azioni correttive (es. il blocco alla frontiera, il ritiro dal mercato, il richiamo, il sotto sequestro, la distruzione, ove possibile svariati trattamenti chimico-fisici, ecc.). Aspetto assolutamente da non trascurare!
Si ricorda, altresì che il Servizio informativo ALLERTE, dello Studio ABR, nasce come mezzo di conoscenza condivisa e non giammai come mezzo “selettivo/ispettivo/punitivo” da parte della massa, essendoci già per questo gli Organi di Controllo Ufficiali efficaci ed efficienti nell'espletamento delle loro funzioni.

COS'È IL RASFF?

Il RASFF è un sistema comunitario di allerta rapido che nasce con lo scopo di tutelare il consumatore da prodotti alimentari non sicuri e si fonda sui requisiti del Regolamento CE 178/2002 sulla Sicurezza Alimentare. Il RASFF fornisce alle autorità competenti (Ministero dell Salute, Mipaaf, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Regioni e Province Autonome, ASL, etc....... ) e agli organi di controllo (ASL, IZS, NAS, USMAP - Uffici periferici di sanità marittima ed aerea -, Uffici veterinari per gli adempimenti comunitari, ISS, ICQRF, Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane, ARPA, etc, .......) la possibilità di ricevere informazioni in tempo reale.

Le notifiche si dividono in tre gruppi:

- Allerte: si hanno quando un alimento o un mangime presente sul mercato rappresenta un serio rischio e quindi richiede un intervento immediato;

- Informazioni: si hanno quando un alimento o un mangime presente sul mercato rappresenta un possibile rischio, ma non richiede un intervento immediato;

- Respingimenti alla frontiera: quando un alimento o un mangime è stato valutato come un rischio ed è quindi respinto alla frontiera non permettendo di conseguenza l’ingresso nella Comunità Europea.


Agosto 2016


Giugno 2016


Maggio 2016


Aprile 2016


Marzo 2016


Febbraio 2016


Gennaio 2016


Dicembre 2015 - Gennaio 2016


Dicembre 2015