La Farina Blu salva cuore

LA FARINA BLU SALVA CUORE

di Luciano O. Atzori

A seguito della globalizzazione e della crescente passione per i cibi provenienti dai Paesi lontani in Italia si stanno diffondendo moltissimi alimenti prima sconosciuti. Alcuni sono delle trovate commerciali, ben studiate per fare guadagnare chi le produce e/o commercializza, ma altri sono degli alimenti molto preziosi per la salute umana oltre che buoni.

Tra questi ultimi vi è sicuramente la Farina blu, da non confondere con le farine blu raffinate (quindi 00) sempre più utilizzare nelle pizzerie per ottenere una pasta soffice che non si disgrega (perché ricche di glutine) e che lievita in tempi brevi. Tutte caratteristiche che sono gradite ai pizzaioli, ma di certo non ai consumatori.

La vera farina blu, quella ricca di proprietà salutistiche, si ottiene dal Mais blu (antica varietà originaria del Centro America in passato molto diffusa tra le popolazioni Inca, Maya e Azteca) ed è caratterizzata dall'essere integrale quindi risulta essere ricca di fibre, di antiossidanti (polifenoli, ma soprattutto di antocianine), di sali minerali (ferro, fosforo ed altri), vitamine (A, B1, PP, ecc.) e non è OGM (cioè non è un Organismo Geneticamente Modificato).

Grazie a questo mix di sostanze questa farina agisce positivamente sulla salute e in modo specifico sull’apparato cardio-circolatorio.

Quindi quando siamo nel reparto dell’orto-frutta e vediamo il mais blu (attualmente coltivato anche in Italia) o una confezione di farina blu non raffinata, non guardiamoli con “sospetto”, ma avviciniamoci, prendiamoci confidenza e, se riteniamo di poterli utilizzare per qualche buon piatto, acquistiamoli senza alcun timore, la salute ci ringrazierà.

 

L'Agenzia di Stampa AGI, in data 11.11.2017, ha riproposto il presente articolo (www.agi.it/)


© Produzione riservata

Dr. Luciano O. Atzori
Biologo - Esperto in Sicurezza degli Alimenti e in Tutela della Salute
Divulgatore Scientifico – Consulente Aziendale

Co-founder dello Studio ABR  -  www.alimentiesicurezza.it

I commenti sono chiusi